embed embed share link link comment comment
Incorpora il Video close
Condividi il Video close
bookmark bookmark
embed test
Vota il Video embed
ScarsoDiscretoNon maleBuonoEccellente (No Ratings Yet)
Loading...
rate rate tags tags related related lights lights

Stop alla strage dei cani in Ucraina per i campionati europei 2012, no all’abbandono degli animali. Speciale Mr. Blog

Ci fanno ridere, ci commuovono, ci coccolano, ci aiutano. Sono i nostri animali domestici, cani e gatti, che ci accompagnano giorno per giorno lungo il percorso della nostra vita. Dipendono da noi, sono i nostri migliori amici. Quante volte, in un momento di tristezza, avete abbracciato il vostro cane che vi ha confortato restituendovi le coccole? Quante volte avete riso del vostro gatto che si fissava incuriosito allo specchio? Il rapporto tra noi e i nostri animali domestici è qualcosa di speciale, un legame profondo e razionalmente inspiegabile, un istinto che ha portato alcuni dei nostri amici a quattro zampe a dare la vita per i propri ‘padroni’.

Nessuno è padrone di nessuno. Cani e gatti sono i nostri compagni di vita, condividono tutto con noi. E l’uomo non può sentirsi padrone di prendere la vita di animali innocenti senza alcuno scopo. Allo stesso modo, è profondamente ingiusto decidere di adottare un animale, per poi disfarsene quando l’impegno diventa troppo gravoso o quando i bambini si stufano perché non possono più giocarci come quando era un cucciolo. Sono i nostri compagni di avventure, abbiamo una responsabilità nei loro confronti e nei confronti della società. Loro non si stuferebbero mai di stare con noi. E coloro che decidono di lasciarli soli sul ciglio di una strada non possono essere definiti esseri umani. Perché umanità significa anche responsabilità.

Per questo bisogna dire NO ai massacri di creature indifese, NO alle mattanze inutili di bestiole innocue, NO allo sterminio dei cani che stanno portando avanti i governanti ucraini. Bisogna dire BASTA. Abbiamo cercato un dialogo con l’ambasciata Ucraina e, di rimando, abbiamo solo ricevuto rifiuti e prese in giro. E’ il momento di scendere in piazza, tutti insieme, e protestare per mettere un punto alla strage di cani in Ucraina. Per questo è di estrema importanza la manifestazione di sabato 5 maggio: lo sterminio dei cani in Ucraina DEVE ESSERE FERMATO.

L’appuntamento è fissato per sabato 5 maggio alle ore 10, nella piazza del Pantheon a Roma.

Un commento a “Stop alla strage dei cani in Ucraina per i campionati europei 2012, no all’abbandono degli animali. Speciale Mr. Blog”

  1. Majastina ha detto:

    Grazie per questo servizio, fatto bene e utile (speriamo). La commozione si fa sentire, e anche l’empatia, il che aumenta vertiginosamente la rabbia per cio che succede in Ucraina, e non solo li, mi pare. Tutti i giorni dovremo vedere documenti di questo tipo, e soprattutto muovere chi di dovere. Chi ha il dovere di intervenire? Non è un optional, spero…. e non basta arrabbiarsi! Auguri e avanti tutta!